Bartolomeo e Sebastiano Serra

Nel 2001, Giuseppe Balma-Mion pubblica il volume Muri, Archi, Colori – l’antica chiesa plebana di San Maurizio Canavese. 

Viene riprodotta per la prima volta la pergamena redatta il 5 dicembre 1495 in occasione del versamento della somma di cinquanta fiorini ai pittori Bartolomeo e Sebastiano Serra a saldo del compenso loro dovuto per aver eseguito le pitture raffiguranti la Passione del Signore Nostro Gesù Cristo nella chiesa parrocchiale del luogo.

Il documento, di cui si dava notizia in una precedente pubblicazione1visto in passato dallo studioso locale C. Novero che lo tradusse in modo sommario, risultò in effetti disperso: per lunghi anni non fu quindi possibile esaminarlo, fotografarlo o trascriverlo.

Ritrovato infine da Balma-Mion tra le carte fuori collocazione dell’Archivio Storico di San Maurizio Canavese, costituisce un tassello di fondamentale importanza per la comprensione della storia della pittura piemontese e savoiarda del XV secolo.

Il nome dei pittori Serra, pinerolesi, era noto da tempo agli studiosi ma non era ancora stato possibile abbinarlo ad alcun dipinto mancando documenti di pagamento o opere firmate.   

Grazie a questa pergamena si è potuto finalmente dare un nome agli autori dell’importante ciclo della Chiesa Vecchia e degli affreschi – stilisticamente affini – definiti in passato opera del maestro di Jouvenceaux o di San Maurizio e visibili in diverse località tra Piemonte, Val di Susa e Savoia.

Come si legge nel fascicolo: “Il loro stile è bene individuabile, soprattutto nei volti dei soggetti rappresentati e nell’impostazione delle scene; va considerato come una bella testimonianza di civiltà e di costume, oltre che come gradevole guida per affascinanti viaggi di scoperta”.

Il testo del documento è il seguente:

Anno domini millesimo quatercentessimo nonagessimo [sic] quinto, indictione tredecima, die quinta mensis decembris. Actum in Sancto Mauricio, videlicet sub porticu domus Johannis Ravici et fratrum suorum in platea eiusdem loci sitis [sic]. Presentibus ibidem venerabili presbitero Mauricio Brachi et Franceschino Bastoni, ambobus de Sancto Mauricio, testibus ad hec vocatis et rogatis. Universus presentium serie fiat manifestum, quod cum magister Bartholomeus Serra de Pinerolio habere deberet a comunitate Sancti Mauricii summam florenorum quinquaginta parvi ponderis Sabaudie occaxione sue mercedis facti ad pingendum Passionem Domini Nostri Yhesus Christi in ecclesia parrochiali dicti loci, ecce quod magister Sebastianus Serra, filius predicti magistri Bartholomei Sarra [sic], ibidem personaliter constitutus suo nomine proprio ac nomine et vice dicti Bartholomei sui patris, pro quo de rato habendo promisit sub obligacionem omnium bonorum suorum, sponte et ex sui certa scientia fuit confessus tacitus et contentus se ab eadem comunitate, manu videlicet Johannis Ravici, sindici et procuratoris hominum comunitatis dicti loci, habuisse et realiter recepisse integram solucionem dictorum florenorum quinquaginta, et omne id in quo dicta comunitas eidem magistro Bartholomeo tenetur occaxione predicta usque in diem presentem. Faciens quoque dictus Sebastianus nomine quo supra per se et suos heredes dicto Johanni Ravici, presenti stipulanti et recipienti nomine suo et nomine et vice hominum dicte comunitatis, pacem, finem, quietacionem, absolucionem et remissionem ac pactum de ulterius quicquid non petendo, requirendo seu aliqualiter molestando per acquilianam stipulacionem et acceptilacionem inde subseguitam legitime interpositas a quacumque peticione imposterum [sic] fienda premissorum occaxione ac alia quavis de causa. Et predicta omnia et singula rata, grata et firma habere perpetuo et tenere, actendere et inviolabiliter observare, in nulloque contrafacere, dicere, opponere vel venire per se vel alium aliqua ratione vel causa de iure nec de facto promissit et ad Sancta Dei Evangelia, tactis corpolariter Scripturis, iuravit dictus Sebastianus, sub obligacionem omnium et singulorum bonorum suorum presentium et futurorum, dampnorum, expensarum et interesse littis [sic] et extra restitucionem. Renunciando exceptioni non factarum confessionis, promissionis et obligacionis predictarum, dictorumque florenorum quinquaginta causa premissa non habitorum et non receptorum, et qualiter omni alii iuris et legum auxilio per quod contradici possit. Et de premissis requisitum fuit fieri publicum instrumentum per me notarium infrascriptum, consilio sapientis si fuerit opportunum.

Et ego Ludovicus Nasi de Sancto Mauricio, publicus imperiali auctoritate notarius, suprascriptum instrumentum michi fieri iussum, rogatus recepi, quod in suprascriptam formam aliena manu scribere feci vigore et ratione licencie michi concesse et facta collaci [sic, pro “collacione”] debita hic me subscripsi et signum meum apposui in fidem omnium premissorum.

(trascrizione prof. Giancarlo Chiarle)

 

(1) Novero, Destefanis, Balma-Mion, Ël pais del teste quadre, Susa, Tipolito Melli, 1981.